Perché le donne almeno una volta nella vita, dovrebbero viaggiare da sole!

ihoh

Ho iniziato a viaggiare da sola perché non avevo nessuno che voleva aggregarsi con me. Lavoravo come commessa, e le amiche commesse come me, andavano in vacanza a turnazioni, in piú alcune non condividevano l’interesse per le mie mete, altre ancora, erano fidanzate. Il famoso boyfriend con cui condividere viaggi mano nella mano, non c’era,  … quindi un giorno sono entrata in agenzia viaggi (all’epoca ancora non mi ero specializzata nel fai-da-te!), e mi sono prenotata un bel viaggio da sola!

Niente villaggi turistici dai ritmi forsennati e dal cucco totale, niente viaggi di gruppo con noiose tabelle marcia a cui attenersi, insomma niente roba organizzata, solo un volo e un hotel. Era il 2007, e da lí in poi non ho piú smesso di viaggiare da sola! :)

All’inizio quando dici che viaggi da sola, hai due tipologie di reazioni: quelli che ti guardano come la sfigata di turno che non ha uno straccio di amica o ragazzo e quindi é costretta a farsi le vacanze da sola, e poi ci sono quelli che ti guardano con ammirazione mista al ma non hai paura? Non ti annoi da sola?

Ovviamente la prima volta che sono partita da sola, stavo a mille, ero in ansia, non ero mai uscita fuori dall’Italia, non avevo mai viaggiato da sola, e soprattutto mi chiedevo se mi sarei divertita 10 giorni in completa solitudine!

Leggi di più

TAGS

Storie di espatriati: Da Londra all’India inseguendo la felicitá!

fdsfsfsd

I primi tempi non parlavi tanto. Peró in compenso, mi osservavi tanto.

Tu inglese con quegli occhi da gatta chiarissimi, piccola e magra con quel caschetto castano scuro e la pelle bianco latte, tu cosí enigmatica come una sfinge, tu mi osservavi dal tuo reparto senza mai dire una parola.

Osservavi “quella nuova”, quella con l’accento italiano che di tanto in tanto ti lanciava un sorriso di cortesia, ogni volta che incrociava il tuo enigmatico sguardo posato su di me.

A. non parla molto, é una un po’ strana.” A pranzo butta lí una collega, fra un morso e l’altro al suo sandwich con bacon, mayo e lattuga.

Leggi di più

TAGS

Lei cosa prende? I bollenti colloqui inglesi al bar, raccontati da Sir Koala Londinese!

“Miss Martini?”

“Yes…”

“Oh salve mi chiamo Pincopalla, e la chiamo dalla Pincopallo Agency, le volevo dire che ho ricevuto il suo curriculum circa l’offerta per la posizione come commessa pubblicata su Pincopallowebsite…”

“Ah…sí…” Mentalmente cercando di ricordare quando e come ti sei candidata, fra i centomila CV spediti in un solo giorno, per la posizione di commessa.

Leggi di più

TAGS

Le avventure del Koala: Come un annuncio immobiliare puó trasformarsi in un incontro al buio!

Mando online un annuncio su questa tipologia: cerco una stanza, possibilimente in queste zone, con questo prezzo, sono una persona silenziosa e rispettosa.

Insomma metto un annuncio online su un portale di affitti, sono alla ricerca dell’ennesima stanza che quella dove sono ora va lasciata che il tizio s’é fatto famiglia!

Ricevo alcune emails di risposta, alcune sono palesemente delle scams, altre propongono nulla di interessante, poi arriva la sua email.

Leggi di più

TAGS

Com’é la vita per i gay a Londra? Riflessioni, links e indirizzi!

yyy
In questi anni ho ricevuto parecchie letterine tenere da chi mi chiedeva come é la vita per gli omosessuali qui in UKspecialimente a Londra.

Mi é stato anche chiesto piú volte cosa io pensi di loro, e di fare comparazioni fra “trattamento” ‘Italiano Vs quello Inglese.

Mi spiace dover dire che io dei gay non penso nulla.

Per mia natura non vedo differenze, anzi, ho sempre considerato tutti miei pari. Che siano neri, bianchi, gialli, rossi o verdi, che siano terrestri o marziani, che gli piacciano quelli dello stesso sesso oppure opposto, che credano in qualsiasi cosa vogliano credere … no,  io non ho mai visto differenze.

Leggi di più

TAGS

10 luoghi nascosti a Londra, che (quasi) nessuna guida turistica vi rivela!

Se vivi a Londra e la cammini in lungo e largo come faccio io, prima o poi ti perdi e perdendoti trovi posti che non avresti mai trovato, perché al 99% le guide turistiche non ne parlano!

Oggi vi vado ad illustrare 10 hidden gems come le chiamano qui, 10 luoghi di Londra sconosciuti alla maggioranza di turisti (e non), divertitevi ad esplorarli e se ne conoscete altri fatemelo sapere! :)

St. John’s Lodge

vvb

Tutti vanno a Regent’s Park, ci vai cosí tante volte che pensi di conoscerlo bene. Sbagliato. Un giorno scopri che nel parco che conosci come il palmo della tua mano (illusa!) c’é un piccolo giardino segreto: il St. John’s Lodge garden (detto anche Garden of St John’s Lodge)!

Incatevole, perfettamente curato, fiori e piante ovunque, panchine quasi inghiottite dalla vegetazione, al centro una fontana con statua, e … silenzio rotto solo dal cippettio degli  uccellini. Vi prego, andateci! :)

Cani e giochi non ammessi.

Leggi di più

TAGS

La fine arte di perdere la testa per un gentleman inglese spiegata da un Koala

trrg

Lo vedevo quasi ogni mattina. Mentre passavo a rassegna il reparto prima dell’apertura del department store di lusso dove lavoravo.

Ripassavo il budget giornaliero da fare, e intanto mentre sistemavo i costumi dal prezzo da gioielleria,  pensavo a quanto mi sarebbe piaciuto visitare la Polinesia francese o magari le Antille come sentivo dire dalle signore che servivo!

Poi una mattina arriva lui. Un classico gentleman inglese. Aria da businessman, portamento elegante, abito impeccabile, e quel capello sale e pepe che pur non avendo il Complesso di Edipo, mi fa impazzire.

jjgj

Leggi di più

TAGS

10 luoghi fra castelli, colline, villaggi e dimore inglesi … infestati da fantasmi!

Era da un bel pó che volevo scrivere questo articolo ma onestamente – e qui ridete pure 😉 – mi fa un pó paiura e senso, andare ad indagare sui posti piú infestati d’Inghilterra!

Come ho scritto questo post! ;)
Come ho scritto questo post! 😉

Luoghi che sembrano usciti da romanzi dell’horror, pesanti quanto un rosone gotico, nefasti come essere incastrati fra corpi sudaticci in un vagone della tube … insomma non proprio posti belli, simpatici e rilassanti. Ma sicuramente fra di voi ci sará qualcuno fan del macabro, del paranormale e mistico, quindi ecco una guida ai castelli, luoghi e dimore dove potreste trovarvi faccia a faccia con un’entitá che non sia la spedita guida turistica che vi sta illustrando a chi appartiene quel famoso ritratto di uomo ricco imbronciato … con gli occhi che si muovono al vostro passaggio………..

Leggi di più

TAGS

Il fascino del Kilt scozzese, fra tradizione, moda, tendenze e … cosa si nasconde sotto!

Anche a Santa piace il kilt!
Anche a Santa piace il kilt!

Il famoso kilt scozzese è nato nelle Highland e in origine si trattava di un pezzo di stoffa non rifinito, lungo 5 metri, allacciato in vita con una cintura e conosciuto con il nome di féileadh mor, che in Gaelico significa “grande kilt”.

[…] Con il passare del tempo, il design del kilt si modificò per diventare più pratico, e l’indumento che conosciamo oggi, con le pieghe e simile a una gonna, fu creato alla metà del diciottesimo secolo.

(fonte visitscotland.com)

Il suo tipico disegno a quadri si chiama tartan. Originariamente il tartan era realizzato in lana, ma oggi si utilizzano anche altri materiali. Lo si indossa con un sporran, cioè una borsetta di cuoio utilizzata per trasportare del denaro. Il colore del kilt è distintivo della famiglia/casata di cui lo possiede. Infatti ogni famiglia o casata scozzese possiede un kilt tessuto con disegno e colore diversi da quelli di tutte le altre. (fonte Wiki)

Leggi di più

TAGS

Una guida allo shopping made in UK uomo/donna rimanendo comodamente a casa propria!

Mi capita spesso che quando scendo in Italia qualcuno mi dica “oh che bello questo o quello, dove l’hai preso?!!” e io quando rispondo che é made in UK, vedo nelle loro faccine apparire uno sconsolato “ahhh ok, davvero bello comunque!

Molti non sanno che ormai lo shopping made in UK é stato ovviamente sdoganato, e molte cose si possono acquistare senza venire qui in UK, ma standosene comodamente seduti a casa propria in Italia.

Ho selezionato per voi 10 portali British di shopping online che effettuano spedizioni in Italia – non sono legata a nessuno di loro, non mi pagano anzi sono io a pagare loro visto che in molti dei loro store ci faccio shopping, quindi ovviamente mi piacciono le loro cosine :)

Sono messi in ordine casuale.

Buono shopping a tutti!!!! 😀

Leggi di più

TAGS